Blog

Chi è la Tana di Jo? Oggi parliamo di Elena

animazione-per-bambini-carrara

Scopriamo più da vicino un’altro membro del Team della Tana di Jo. Oggi curiosiamo nel profilo di Elena, impariamo a capire di cosa si occupa, cosa le piace, cosa la spinge ogni giorno a dare vita a nuove meraviglie… in poche parole, cerchiamo di capire sempre più a fondo chi sono quelle voci che rispondono alle vostre chiamate e ai vostri dubbi, chi sono quelle Tate a cui ogni giorno affidate i vostri piccoli, grandi tesori.


Elena Cecilia Maranca

 

Elena Cecilia (per tutti solo Elena) è un’esperta nel settore editoriale per l’infanzia con una laurea in Lettere e un Master in Editoria Libraria. Il grande entusiasmo e la crescita professionale che La Tana di Jo le ha trasmesso l’hanno portata a essere nuovamente studente universitaria per ottenere a breve una seconda laurea (Scienze dell’Educazione e dei Processi Formativi).

Ama le sfide, le nuove idee e tutto ciò che comincia con “C’era una volta..” e termina con “Vissero felici e contenti”.

Da piccola voleva diventare un’astronauta, da grande ha capito che per veder brillare le stelle basta un abbraccio sincero e tenere il naso all’insù anche quando il cielo sembra coperto da troppe nubi.
Per lei la Tana di Jo è come l’Isola che Non C’è, un luogo dove puoi sempre sentirti a casa e non crescere mai.

All’interno del team si occupa di grafica, comunicazione, progettazione di laboratori per i più grandi, ritagliare carta e cartoncini, ricercare sempre nuovi spunti e idee per grandi progetti e allestimenti.

Fra le Tate è la più burlona, ma anche la più ostinata. Se c’è un nuovo gioco da proporre lei è la prima a partecipare! La sua deformazione professionale è abbinare il colore delle posate a quello dei tovaglioli.

Dice di sé:

Sono un’appassionata di fiabe, cinema e lettrice instancabile.
Oggi passo le giornate a cercare tesori, immaginare meraviglie, disegnare fantasie e crescere insieme a tanti tenerissimi bambini.
Il mio tempo libero è diviso fra le pagine di nuove avventure e numerose wishlist che si susseguono instancabili. Serbo nel cuore il ricordo di un “meraviglioso cane mordace”, ho un marito eccezionale e un Mini-Unicorno che “farebbe le scarpe” al Dott. Jekyll e Mr. Hyde.”